images/blog/2018/sarasantori_london.jpg

Sara Santori conquista Londra con SkinGoat, la pelle che respira ed è termoregolata

L'Ad monturanese: “È nata da una intuizione, durante una normale lavorazione delle pelli che poi esportiamo in tutto il mondo".

Non si inventa solo nelle metropoli. Basta avere le professionalità giuste, la voglia di crescere e l’ambizione di poterci riuscire. La riprova arriva da Monte Urano, dalla Conceria Nuvolari guidata da Sara Santori, che è anche presidente Unac, appena atterrata in Italia dopo Lineapelle London. “Un giorno intenso.

Si sono presentati nello stand molti buyer e soprattutto molti rappresentanti di brand che sempre più cercano pelli e materiali naturali o colori fluo che colpiscono l’occhio dello stilista” spiega Sara Santori, amministratore delegato della Conceria Nuvolari di Monte Urano. L’azienda monturanese, erano 49 gli espositori, ha riscosso un successo particolare perché presentava SkinGoat, la pelle che traspira in modo naturale mantenendo il calore e che Conceria Nuvolari ha brevettato.

La pelle che respira e che è in grado di restare permeabile anche al valore acqueo, come testato durante la lavorazione, riesce a assorbire l’umidità lentamente, creando l’effetto di termoregolazione che le aziende calzaturiere cercano da anni, soprattutto chi produce scarpe destinate a un uso prolungato e soprattutto in ambienti esterni.

“È nata da una intuizione, durante una normale lavorazione delle pelli che poi esportiamo in tutto il mondo. Ci siamo resi conto che si poteva andare oltre la traspirabilità che una pelle animale garantisce. Per farlo abbiamo sperimentato e poi brevettato un nuovo sistema di lavorazione che porta la traspirabilità dal canonico livello 2 fino al 16. Ma non ci siamo fermati qui”.

Entrando nel dettaglio, Sara Santori spiega come si sia passati dalla traspirabilità alla termoregolazione, che è una delle caratteristiche della pelle animale, fino a oggi difficilmente replicabile: “Abbiamo studiato un sistema di piastre che produce una serie di microfori aggiuntivi che diventano una rete che garantisce alte prestazioni. E questo senza alcuna aggiunta di prodotti chimici ma solo attraverso un percorso meccanico sperimentato nella nostra azienda”.